• Messaggio Da Mauro Franco

    Molti mi chiedono quale guida scaricare per iniziare a guadagnare con internet. Ti informo che qualsiasi libro sceglierai da questo sito, sarà il massimo per guadagnare in rete. Non potrai sbagliare, perché qualunque guida, ti porta inevitabilmente al successo. Promesso e Garantito al 100%! Mauro Franco

Guadagnare con Internet e la paura del Fisco

Arriva a Patrick una email dove ci “prega” di illuminarci per quanto riguarda il guadagno on-line e in particolar modo chiede lumi su cosa bisogna fare con il fisco.

Ecco un pezzo della sua e-mail che abbiamo estrapolato.

Messaggio Inviato dal sito web:
maurofranco.biz
Nome: Giuseppe
e-mail: giannone.g@alice.it
 Sito Web: http://
 Oggetto: info

Messaggio: chiedevo come ci si deve comportare con il fisco, per tutti coloro che hanno introidi non indifferenti, semmai ci saranno; con internet.

———-

Di primo acchito mi verrebbe una risposta assai secca ed eloquente:

PRIMA GUADAGNA E POI VEDREMO !

Ma siccome sono un professionista serio ecco una logica spiegazione.

Ci sono 3 modi per essere in regola con il fisco.

Il primo è piuttosto semplice.

Ci rechiamo al più vicino centro di elaborazione dati e apriamo una partita iva a titolo “ditta individuale” Successivamente per ogni prodotto venduto facciamo fattura al cliente, paghiamo le tasse (che sono giusto giusto vicino al 55% totali, versiamo l’Iva e siamo a posto)

Per questo metodo da idioti, serve anche un commercialista con altre spese e spesucce.

Oltre ad un tassazzione da capogiro, sei anche l’unico responsabile. Ergo, che se ti andranno male le cose ti prenderanno ciò che hai. Casa, macchina, conti correnti ect etc.

Secondo sistema; Aprire una società italiana srl ( con più persone )
Dalle mie parti si diceva un tempo: Le società sono belle dispari, e 3 siamo in troppi.

E’ vero che dividi le spese, ma è anche vero che dividi gli utili.

Le aziende chiudono e tu la vuoi aprire in Italia ? Accomodati pure e…BUONA FORTUNA!!

La società srl è una ditta che fattura, paga le solite tasse, versa l’Iva, paga affitto e dipendenti etc etc.

La differenza sostanziale dalla ditta individuale è che occorre un notaio ( devi pagare circa 1000/2000 euro a seconda del notaio) e un versamento di capitale sociale che mi sembra sia da 10.000 a 20.000 euro se non erro.

Terzo metodo (per persone intelligenti)

Aprire una LTD Limited in inghilterra, coma ho aperto io.

Le tasse sono il 19% non c’è iva, e per aprirla occorrono si e no 30 secondi.

Puoi operare con un conto estero (io sono alla hsbc inglese) ho un paypal inglese e i guadagni vanno direttamente nella tua banca estera.

Qui nasce un piccolo problema, non puoi portare soldi dall’inghilterra all’italia,  non perchè è illegale, (le tasse tu le paghi in uk quindi sei a posto con il fisco inglese) ma perchè il fisco italiano ti chiederebbe la differenza fra il 19% che paghi in inghilterra e il 55% che paghi in italia.

Quindi pagheresti egualmente il 55% o anche più di tasse.

Come fare ?

Semplice: L’hsbc ti fornirà di 2 carte oro e platino illimitate, tu vai in quasiasi sportello bancomat e prelevi quanto vuoi, nonchè potrai pagare con le carte ciò che vuoi.

Inoltre c’è anche un altro sistema di trasferimento.

Hai mai sentito parlare della svizzera ?

Un Maestro di queste cose con consigli vari…  lo puoi trovare cliccando qui

Mauro Franco

20 commenti:

  1. Come al solito la chiarezza non ti manca, mitico Mauro comunque ben detto! prima pensiamo a guadagnare cifre degne di una preoccupazione del genere poi… Almeno parlo per me mi darò da fare in questo senso…. Sparire fiscalmente dalla faccia dell’italia!!! Qualcuno per farmi compagnia?:)

  2. certo il problema delle tasse di quegli imbecilli di governanti che ci sono ora in italia dove pure l Amministrazione Pubblica si mangia i soldi esiste e quindi non vedo come fare per eludere le tasse degli imbecilli che sempre piu si arrichicoscono alle spalle dei contribuenti italiani

  3. Mi dispiace ma devo contraddire che non è cosi facile … ! Avresti comunque la paura di essere scoperto e pignolato di tutti i tuoi averi , come negli altri due primi casi ! In quanto il fisco si rivarrebbe ugualmente poiche se in inghilterra non è illegale aprire una ltd e lavorarci , per il fisco italiano , con le ultime leggi a sfavore nettamente del cittadino residente in italia conta solo e soltanto la residenza ! Quindi se tu vivi in italia e sopratutto se hai affetti in italia ovvero famiglia , figli e amici , paghi le tasse in italia !
    Non c’è verso per il fisco italiano ! E con le ultime disposizioni di legge se non è ben chiaro , devi dimosttrare materialmente tu che in italia non ci vivi ;-)!
    Ricordo il caso di un frontaliero , che si era trasferito in svizzera , ma tornava quando non lavorava dalla famiglia e dagli affetti piu cari ! Ebbene quello per il fisco è una prova lampante a tuo svantaggio e se non paghi quello che dicono ,e sappiamo tutti che sono cifre gonfiate , avanti a pignolarti tutto !!! Senza alcuna pieta !!!

    Per quanto riguarda le carte di credito e la societa ltd , nascono altri problemi … !
    La societa primo non dovrebbe essere intestata a chi la costituisce ma a un ” portanome o piu ” e anche qui …con tutto quello che ne consegue … ci sara da fidarsi ?? E il pagamento di tutto cio , vale ” la candela ” … ? Riflettiamoci ;-)!

    Per la carta di credito poi ricordo che ci sono delle nuove leggi , innanzitutto se la carta di credito non è intestata a te , o è intestata ad una societa , tanto piu se inglese e tanto piu se ltd , ti fanno dei grossi problemi per ritirare i soldi …. ! E poi vogliono sapere come e perche un cittadino italiano ha una carta di credito non intesta con il suo nome e cognome , ( in italia e’ obbligatorio oramai ! ) o intesta ad una societa ltd ecc .. che per loro ovviamente di cosa illegale si tratta.

  4. Finisco il discorso qui perche mancava spazio nel post precendente ..

    In piu come tutti spero sappiamo , oggi , non esiste piu , in italia il segreto bancario , quindi ; 1) Avendo una o piu carte di credito illimitate , e non intestate a me , do nell’occhio e sicuramente il fisco vorra approfondire questa cosa … !E sono io a dover dimostrare che non c’èntro nulla … !!! Ricordo che adesso ci sono molti nuovi reati che si configurano a questo proposito !

    2)Ricordo che anche se decido di ritirare solo piccoli importi , inferiori al limite minimo di raccolta dati dov’è escluso il regreto bancario , e cioè meno di 900 eur circa ma lo faccio per tre o piu volte , o forse ancora meno , nell’arco di un mese , ( e per alcune carte il prelievo fissato obbligatorio è ancora molto ma molto piu basso e si tratta di pochi euro che non bastano manco a campare ;-)! ) Scatta subito il controllo fiscale e le domande varie e le accuse di conseguenza … !

    Quindi non vedo come sia possibile aprire una ltd in inghilterra o dovunque ..e stare tranquilli … !

    Ricordo inoltre che ci sono dei nuovi reati fiscali propio che riguardano queste cose !
    Quindi difficile se non praticamente impossibile stare tranquilli a mio modesto avviso !

  5. Ciao SII e ciao emilio.
    Non è come dite voi. Ci sono ancora oggi leggi dello stato che permettono quello che ha detto mauro. Puoi prelevare quanto vuoi dal bancomat e nessuna mai potrà risalire a te. ( e anche se risalgono a te non hai fatto nessuna azione illegale )

    Inoltre aprire una società all’estero non è certamente un reato, paghi le tasse normali nel paese dove hai aperto la ditta. Per maggiori info Mauro vi Ha lasciato un link appropriato dove ci sono i migliori esperti avvocati e commercialisti per aprire una società legale.

    Niente di illegale quindi, ma cose legali per pagare meno tasse. Questo è il tutto.
    Patrick

  6. Ciao , ” Puoi prelevare quanto vuoi dal bancomat e nessuna mai potrà risalire a te. ( e anche se risalgono a te non hai fatto nessuna azione illegale ) ” se ho una carta di credito non intestata a mio nome , o di una societa estera , visto che in italia le carte di credito per legge possono essere solo usate dall’intestatario ricordo o il propietario ” nascosto ” della societa ltd risalgono a te eccome ! Guarda non per smontarti ma anche nei supermercati adesso ci sono dei cartelloni mega giganti che avvertono che se la carta di credito non è intestata a tuo nome , e per questo devi far vedere anche la tua carta d’identita alla cassa , non le possono accettare ! Almeno dove viovo io , in italia , è cosi ;-)!

    Aprire una societa all’estero non è reato siamo d’accordo e l’ho scritto anche io sopra , ma per il fisco e per la legge italiana è diventato reato schermarsi con delle societa estere anche ltd per non paghare le tasse in italia … !E reato c’è scritto nella legge ! Ho letto diverse cose in propsito !

  7. I controlli del fisco fanno ridere i polli cmq. Io ho un lavoro dipendente. Ogni 27 del mese percepisco lo stipendio e lo prelevo per il 100%. Ora mi tengo i contanti in cassaforte o dove voglio e me li spendo in nero o non in nero, come pare a me. Ogni mese continuo a prelevare coò che guadagno. Cosa possono venire a dirmi?

  8. C’è un po di confusione credo…

    Se si ha una ltd e si opera in Italia si pagano le tasse italiane.
    Se si ha una ltd e si vendono prodotti o infoorodotti italiani in italia si pagano le tasse italiane.

    Una ltd deve sottostare sempre alle regole dello statuto del oaese in cui l’azienda opera.
    È importante anche il fattore residenza. Se abiti in italua e hai beni in Italia e operi con una ltd le tasse da oagare sono sempre quelle italuane.

    Utilizzare carte e nn far arrivare i soldi in italia per non pagare la differenza d’imposte è assurdo. Fate le cose come vanno fatte e lasciate perdere sti giri inulti che se vi beccano fate una brutta fine.

  9. Tutto il mondo è paese.

    Sono residente in Svizzera da 40 anni, sono in pensione, e per arrotondare i miei introiti visto che le pensioni Svizzere sono vergognose se non si capitalizza durante tutta la vita lavorativa, ho messo su una piccola attività nel campo delle traduzioni, che avrebbe dovuto bastare a mantenere il mio standing non da nababbo.

    Illusione: in un acceso di onestà mi sono dichiarato per pagare l’ imposta sul lavoro accessorio, ed ecco il risultato: mi deducono il guadagno dalla pensione, e d in più pago le tasse anche sulla pensione che non c’ è più.
    Quindi, mi tocca rilavorare praticamente a tempo pieno.

    Ecco perché le proposte di Mauro Franco m’ interessano, e penso di adottarne qualcuna quanto prima.

    Ah, dimenticavo: il segreto bancario elvetico si sta sbriciolando molto rapidamente…..

    Statemi bene,
    EDP

  10. Salve,ho sbirciato qui e là,le varie opinioni,Monti permettendo e un impresa…aprire un impresa!io avevo gia calcolato il 60 per cento va in tasse,e questo 20 anni fa,quindi euro piu euro meno,siamo nella solita……un po di equilibrio non guasterebbe,ma lo devono condividere chi sta in alto,e chi purtroppo si ritrova un po piu giu!certo e che la classe media….non e piu media,e proprio a raso terra! efinche si resiste ok,ma ormai stiamo raschiando il fondo…..speriamo nel 2013! auguri in anticipo.filly.

  11. si è vero aprire una ltd in inghilterra ottima soluzione fosse facile.
    e si perchè aprire una ltd in inghilterra con conto in una banca inglese non è affatto facile, richiedono molti documenti e alcuni di difficile reperimento, oltre al costo che ha farlo fare. percui facile a dirsi ma non altrattanto facile da farsi.

  12. Caro Claudio , tu sei uno dei pochissimi fortunati che ha un lavoro ” dipendente ” ! E scrivi ” Cosa possono venire a dirmi ?” A te niente caro Claudio , ma chi non ha oggi come oggi un lavoro dipendente e uno stipendio sicuro , deve veramente lavorare duro .. !Senza alcuna sicurezza e certezza ! Senza nessuno che ti paga malattie , vacenze , pensioni e permessi vari ! E in piu se non riesci a pagare le ciffre assurde che ti chiedono , perche sono oggettivamente troppo alte , infatti tutti stanno chiudendo , fabbriche imprenditori , piccoli artigiani , ti vessano in ogni modo succhiandoti il sangue fino a che non ti ammazzi !! Questa purtroppo è la vera realta di oggi ! Scusate per lo sfogo ..! Ma tu non hai ” gli studi di settore ” che ti dicono in base a valori completamete sballati che devi pagare tot perche secondo loro è cosi e basta anche se non è vero !!! E non ti danno pace fino alla morte !
    Chi non ha un lavoro fisso deve dimostrare che guadagna per sopravvivere ma le loro richiesete sono sempre piu invasive e assurde , minacciose e persecutorie fino al pignolamento di tutti i beni che hai .. Siamo in una ingiustizia profonda e in dittatura oramai .. Solo i politici ovvero chi “ci governa ” puo permettersi di stare al di sopra della legge , avere sconti e rimborsi su tutto anche sulle tasse ..!

    Per Quanto riguarda la ltd volevo dire che prima di fare una ltd , una persona in italia deve comunque avere un reddito che lo faccia vivere perche appunto la ltd è una societa in cui non deve figurare il propietario , ovviamente , per non dover pagare le tasse in italia ! Ma appunto deve comunque vivere e quindi avere un altro reddito che gli permetta comunque di fronte allo stato italiano di potersi mantenere secondo i beni che possiede ….senno son casini ! E ti levano tutto !

    Infine basta anche solo la ” presunzione di esterovestizione ” ovvero es se ti trovano una carta di credito non intestata a te o a una societa fuori dall’italia ecc .. !!!E sei nei guai ! Perche hai commesso un reato .. ! Anche se presunto .. !!!Sta a te dimostrare che non è vero per le leggi italiane ! E sara molto dura ..:-(

  13. ciao , io penso solo una cosa che viene fuori già leggendo i commenti: stiamo facendo il loro gioco; non dobbiamo permettere loro di farci vivere nella paura. Io non sono un’esperta, ma ston uscendo da situazioni abbatanza gravi (intendo economiche) e non ho nessuna intenzione di vivere nella paura. Poi so che la ltd in Inghilterra è legalee in Inghilterra il sistema bancarioper chi comincia specialmente non crea troppicasiniperchè non è come nel resto d’Europa, perciò la trovo un’ottima idea, e comunque ci si penserà dopo, in base alle cifre che guadagnamo. Per tutto c’è una soluzione, no? Comunque buonni guadagni a tutti.

  14. Cara elli il fatto è che tu puoi fare tutte le societa che vuoi , è legale e siamo d’accordo , ma se ti trovano con una carta di credito non intestata te o di una societa non italiana o se per qualsiasi altro motivo da dei controlli che fanno , con i movimenti che hai in banca o con le spese che fai , secondo loro non sei conforme a quello che dicono loro ti fanno pagare e ripagare il “quintuplo ” tanto per dire e sara molto di piu …fino a che non ti hanno succhiato tutto !!!!

  15. come dice mauro prima guadagnamoli questi soldi, poi si penserà come proteggerli.

  16. Salve,

    La questione e’ diversa, se svolgo un’attivita’ online di vendita di prodotti e/o servizi in Europa ad esempio al limite il fisco italiano potrebbe pretendere che dichiari I redditi prodotti in Italia mentre per quelli prodotti nel resto d’europa non deve metterci Il naso se vendi solo in Italia allora rischieresti.

  17. Non è cosi Fabio , se sei residente in Italia anche se vendi prodotti all’estero per la legge italiana sei obbligato a pagare in italia , per favore informatevi bene prima di scrivere … !!!

  18. No SII non è nemmeno così che funziona. maggiori info qui http://www.abcsoldi.net/tasse

  19. @Fabio

    Se hai società italiana e residenza italiana, vendi dove vuoi paghi le tasse in italia.

    Se hai società estera e residenza italiana (per residenza intendo quella fiscale,
    se hai residenza estera ma abiti per la maggior parte del tempo in italia, hai residenza italiana) e commerci sia con l’estero sia NON prevalentemente con l’italia, paghi le tasse nel paese dove è la società.

    Se hai società estera e residenza italiana e commerci prevalentemente con l’italia, vieni arrestato per esterovestizione.

    Tieni conto che anche il tuo capitale estero viene tassato dal governo italiota.

    Purtroppo la soluzione più semplice è abbandonare l’italia, per esempio per la svizzera; e venirci solo a farci le ferie.

    (Come ha fatto qualcuno).

  20. Bhè non tutto, ci sono anche altri sistemi, come per esempio aprire una ditta in cina con presidente in svizzera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe without commenting